,

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

E’ una storia che ti coccola il cuore, almeno io l’ho vissuta così. Scorrevole e delicata.

Il protagonista è Christopher e deve indagare su chi abbia ucciso il cane della vicina. Christopher ha quindici anni e ha una forma di autismo: l’asperger.

Ha difficoltà a rapportarsi con il mondo, vive da solo con il padre, gli piacciono la matematica e sherlock holmes. Ed è proprio per fare come lui, che deicide di indagare sulla morte di Wellinghton, nonostante il padre gli abbia chiedo di non farlo, ma come tutti i quindicenni non obbediscono. Questo suo desiderio di indagine lo porterà lontano. Non solo nel senso che scoprirà chi ha ucciso il cagnone, ma proprio fisicamente ed emotivamente. Christopher prenderà conoscenza di molte cose che fino a quel momento ignorava, il suo mondo all’improvviso diventerà enorme, e alcune sue certezze cadranno.

A volte, ingenuamente e anche stupidamente. Pensiamo che le persone affette da disabilità non possano fare o capire determinante cose, che non siano all’altezza. Quanto ci sbagliamo! E anche tanto. Probabilmente non ci riusciranno subito, ma ci possono riuscire tranquillamente, e questo volume ne è sicuramente la prova! Ve lo consiglio assolutamente un libro pieno d’amore e di riscatto personale!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *