Ok! Non è alta letteratura, ma dobbiamo pure abbassare il livello, no? :D Poi è estate.. be insomma, almeno il calendario dice così, ma non ne sono sicura, almeno qui in Piemonte!

Ok, lo ammetto l’ho letto in due giorni, sì! Non riuscivo a staccarmi nonostante sia banale ed avessi già capito l’andazzo alla seconda pagina. E per un momento mi sono chiesta se stessi diventando difficile, troppo pretenziosa, ma alla fine mi sono detta che di questi libri ne avrò sempre bisogno, quindi anche se capirò alla seconda pagina .. pazienza! E poi lo avevo in lista da una vita!

La storia parla di amicizia e di amore. Quattro amiche si ritrovano alla festa per il decennale di matrimonio di una di loro: Cassie. La prima ad essersi sposata, ed è il più longevo fra le amiche.
Vivono in quattro punti diversi del globo: Edimburgo Cassie, New York Kelly, Parigi Anouk, Suzy Londra. Amiche dall’infanzia, amiche per il mondo. La vita di Cassie viene stravolta durante la festa, quando scopre che il marito e la sua migliore amica di lì hanno avuto addirittura un figlio insieme, lei, Cassie, credeva di avere un matrimonio solido e felice. Tutto le crolla addosso.

Continua a leggere

Quando vedevo in libreria questo libro, non mi ispirava, non mi diceva nulla. Poi ho visto la sua intervista a Ti Racconto un Libro, e mi sono detta: Perché no? Come in tutte le cose dobbiamo andare oltre, capire e non essere prevenuti. La scrittrice ha dedicato il libro a suo marito. Cosa c’è di strano? Suo marito non c’è più! Lei è giovane, ha 31 anni, e si è sposata nonostante la malattia di lui. Questa è grande forza, coraggio, e mi sono detta che solo per questo lo avrei dovuto leggere. E così ho fatto! Pentita? No per niente, ma…
Io non leggo mai la trama, mi faccio ispirare dal titolo, dalla copertina. Non leggo mai i commenti sul web, anche alcune volte cedo, come in questo caso. Ho letto commenti entusiasti, di persone catturate, rapite.. io no! (forse è per questo che non leggo i commenti, per non farmi influenzare). La storia non mi ha rapita, fino al finale che ho letto in una sera.

I protagonisti sono Vaclav e Lena, due ragazzi russi in una New York di oggi. Vaclav ha alle spalle una famiglia, soprattutto, una mamma presente ma soprattutto molto ansiosa. Lena, invece, è l’opposto, non è seguita dalla zia, i suoi genitori non si sa dove siano, non parla bene inglese, è schiva, e ruba da mangiare a casa di Vaclav.
Lui ha un sogno: Diventare un mago famoso e Lena è e sarà la sua assistente.

Continua a leggere

Eccomi per la seconda puntata della rubrica!!  Non è stato un mese particolarmente prolifero, anzi per piccoli aspetti è stato un po’ fallimentare. Ma vabbè, in fondo non tutte le ciambelle escono con il buco. No? Però non ditelo a Homer Simpson :D ahahahah.

Dai ragazzi/e bando alle ciance, vediamo come è andato il mio mese!!

rubrica diario lettrice

A inizio mese, non avevo molta voglia di leggere, così mi sono detta: “che faccio?? mica posso fare brutta figura solo al secondo mese” così mi sono guardata in casa, tra i miei libri ancora da leggere, e mi sono detta.. Perfetto!!! Continuiamo la saga di Rebecca.  Leggero, divertente, ottimo per i momenti di crisi, e diciamocelo: questi libri ci salvano dalla “crisi da lettore” quindi.. W la Kinsella. Come in altre occasioni, mi sono ritrovata a ridere in pullman, fregandomene degli sguardi degli altri passeggeri. O senti, io leggo la Kinsella e me ne vanto e mi fa pure ridere!! Tiè :D

 

 

 

 

 

arton12199

Il mio fallimento!!! Lo avevo il lista da ANNI!! Ecco, se lo lasciavo lì a macerare avrei fatto solo bene.
La mia biblioteca per l’estate fa il prestito lungo, ben TRE MESI (o circa, quasi) così mi sono fatta forza ho tirato giù dei titoli e sono andata in biblioteca, ne ho presi 6! Ecco questo potevo anche evitare!!
Che ci posso fare? Lento, angosciante! Ho letto circa 100 pagine, 100 pagine di NULLA! Oh, è anche un giallo!!!!! Ma nulla, niente da fare! Ripeto, lento, poco ritmo. Ormai ho capito che se un libro che sto leggendo non mi viene di leggerlo niente.. vuol dire che non fa per me, così ho deciso di mollarlo. Faccio bene? Faccio male? Non lo so, ma ho troppi libri da leggere, meglio passare oltre!

La nota positiva è che ho RISPARMIATO!! W le BIBLIOTECHE!! Non le sottovalutate!! Hanno un potenziale ENORME.

 

 

mediumCosì dopo il fallimento, sono passata oltre! Il libro che ha dato vita a questa rubrica!! Sara, Sara, ora ho capito!! Non voglio esprimere qui (anche perché non sarebbe la sede adatta!?) ma ora ho capito, e  alcune cose che ha detto in prefazione sono mie!! Il come passare ad un altro libro se l’amore non sboccia!!
Altra cosa che ho notato in Lui (la lettera maiuscola è d’obbligo) è la sua ironia!! ADORO!! quanto vorrei scrivere come Lui, non necessariamente un libro, mi limiterei qui sul blog. Una volta un’amica mi disse che era troppo serioso, invece nella vita (forse non mi conosce molto bene :) ) sono un po’ più ironica.. infatti ci sto provando.. ci sto riuscendo?? Siete voi a dovermelo dire, mica io ;) !!

Sicuramente approfondirò questo autore, che mi hanno detto essere geniale!!

Dimenticavo.. questo volume è uno dei 6 presi in biblioteca, ripeto e ribadisco W le BIBLIOTECHE!
Tra l’altro, voi ci andate? usufruite del servizio? Le vostre biblio (io le chiamo così) sono fornite?

 

978880619147MED

Il mio acquisto del mese!!!! Santo cielo, non lo hai ancora letto?? Hai quasi 30 anni e non lo hai letto?? SACRILEGIO!! Avete idea di quanto ancora vi stupirò? No? Beh allora vi conviene seguirmi, perché ho un sacco di classici non letti in lista che manco vi immaginate!! E poi quest’inverno (quello appena passato) sono andata al circolo dei lettori, ho partecipato ad un gruppo dove si trattavano SOLO autrici donne, vi assicuro che non ho letto nemmeno un titolo di quelli trattati!! Ok Ok mi vergogno da morire..ma che ci posso fare, ho ripreso a leggere solo negli ultimi anni,, ho un sacco da recuperare :D Evvivaaaaaaaa. E poi sono convita che voi che mi leggete.. Perché qualcuno che mi legge c’è vero?? Vero??? ditemi di si vi pregooo!! Beh credo che alcuni dei volumi di cui vi parlo non li avete letti.. quindi.. beh siamo pari!!!!

dimenticavo, ho risparmiato 3,50€ c’erano gli sconti sui classici, mese di risparmio questo!! Brava me! :)

 

E voi? cosa avete letto? Avete letto o siete stati presi dagli esami medie, superiori o universitari? Dai che ormai siamo a luglio e l’estate arriva. Sempre che non continui a piovere una volta al giorno. Vi vergognate di leggere libri leggeri sotto l’ombrellone? Volete leggere le sfumature.. e fatelo, tra l’altro le ho lette anche io!!! ;)

Ricordatevi un cosa IMPORTANTISSIMA: dovete essere liberi di leggere qualunque cosa vogliate! Fregatevene se vi fanno del terrorismo letterario, fidatevi, anche loro non leggono sempre letteratura russa, o francese.

A proposito di francese… ehm.. è da febbraio che sono alle prese  con i Miserabili! questo mese ne avrò letto 10-15 pagine. Lo so che prima ho detto che se un libro non mi prende lo dovrei mollare..ma … la storia in se mi prende, non riesco a reggere tutte le fasi descrittive! SACRILEGIO evvabbè anche questo fa parte del mio mese da lettrice, non a caso QUASI per bene!!

Cosa avranno letto le mie compagne di lettura Sara ed Elisa ??? bhe scopritelo! (Sara è in ferie e forse tarderà con il post, ma non temete, ci raggiungerà anche lei!! )

Ci si legge a Luglio.

Daniel Pennac è davvero un genio!!! Mi chiedo come prendano vita le sue storie, da dove prenda spunto. Perché diciamolo sono davvero fuori dal comune, è un tipo di scrittura che oggi si vede davvero poco in giro. Io me lo immagino al buio nel suo studio, con una lampada accesa sulla scrivania, una tazza di caffè fumante e lui tutto serio che scrive parola dopo parola. Io invece che lo leggo, con un sorriso.. come dire.. ecco EBETE (sì è proprio la parola giusta), sul pullman, mi diverto e mi dedico ad un’oretta di allegria e spensieratezza.

Il Dottor Galvan è di turno al pronto soccorso, e si dedica alle emergenze, notando, quando la sala d’attesa quasi vuota, un signore, seduto da ore, che non si lamenta e paziente aspetta il suo turno. L’unica cosa che dice è: “Non mi sento bene ” e da lì è l’inizio della fine. Perché inizia a manifestarsi una patologi dietro l’altra, con sintomi ben precisi.

Continua a leggere

Che splendida opera prima!! Ci credete che l’ho letto in due giorni??? Bhé fatelo, perché è così!
Un libro in grado di catturarti fin dalle prime righe, che ti tiene col fiato sospeso. Per fortuna è una storia inventata, anche se molte persone vivono un incubo del genere. Come le ragazze di Cleeveland, avete presente? Le tre ragazze che sono state rapite per 10 anni, violentate, picchiate..

La storia parla di Annie, un’agente immobiliare con una vita relativamente tranquilla. Un lavoro, un fidanzato, l’amica del cuore, ed Emma il suo amato cane.
La vita quindi procede bene, finché una domenica d’agosto organizza un open house. Quella domenica la sua vita cambierà per sempre, perché un potenziale cliente, gentile, le punta una pistola e la rapisce.
La porta in un luogo, in montagna. Lei non può uscire, non può fare nulla, se non fare i mestieri e cucinare. E le conviene farli bene, altrimenti lui perde la testa. Deve essere sempre molto pulita, e sottostare a regole molto rigide e orari prestabiliti.

Continua a leggere

Volete combattere la calura che sta attraversando il nostro paese in questi giorni? munitevi di una bibita fresca (non ghiacciata mi raccomando), oppure andate in un parco e immergetevi in questo libro! ;)

Gli ingredienti segreti dell’amore è una simpatica e carina commedia romantica che ti fa catapultare nell’atmosfera parigina. In un atmosfera sognante e dolce, tra novembre e febbraio. Piena di luci scintillanti di Natale, della neve dolce.. insomma non ci manca molto.

Molto simpatico e diversa, spigliato e abbastanza coinvolgente.
La protagonista si chiama Aurélié, proprietaria del ristorante le “Le Temps des ceries”.  Aurélié sta attraversando un brutto periodo, è in crisi di relazione, sembra remargli contro. La sua valvola di sfogo sono i fiori. Ama, soprattutto quando è triste e abbattuta, immergere le mani nella e piantare fiori nuovo e le fa dimenticare tutto, la fa sentire bene. Non sopporta essere triste nel periodo invernale perché la scelta dei fiori è proprio limitata.

Continua a leggere

[image width=”200″ height=”” align=”right” frame=”noframe”]https://www.libroinborsa.it/wp-content/uploads/2014/04/download.jpg[/image]

Lo so, la regola dice: prima il libro poi il film. Ma a volte non puoi farlo, perché? Perché capita che intorno a mezzanotte, facendo zapping notturno trovi un film e già solo il titolo ti piace. Capita che non sai che il film è tratto da un libro.. Così quando ti capita tra le mani il volume sei titubante, o finta titubante perché già sai che lo comprerai. Ecco, questo è quello che è successo a me!! :D

Ultimamente fanno solo film tratti dai libri, e mi ritrovo a cercare i volumi.. e non voglio vedere il film se prima non leggo il libro.. e … mio marito inizia a spazientirsi! :/

Il libro è veramente carino! Sono cinque donne e un uomo che si trovano a fondare un club per parlare e approfondire i libri di Jane Austen.
Cinque donne molto diverse tra loro, ma comunque molto amiche, pronte ad aiutarsi soprattutto quando Sylvia viene lasciata dal marito. Così le amiche Jocelyn, Prudie; e Bernardette decidono di formare questo gruppo. Tirando dentro anche la figlia di Sylvia . Mancandone uno, Jocelyn decide di invitare un uomo (che sarebbe “destinato a Sylvia) che ha conosciuto da poco: Grigg.

Continua a leggere

Marquez ha la capacità di farti innamorare dei suoi personaggi, come se esistessero davvero. Ha una capacità e un modo di scrivere veramente straordinario, soprattutto in questo romanzo, non a caso è un premio nobel per la letteratura.
Devo dire che anche l’introduzione, mi pare, sia fatta molto bene, scorrevole anche se all’inizio del libro ho avuto difficoltà. Non per colpa del libro, ma per pensieri miei, poi la lettura è andata via liscia.

Mi è piaciuto davvero tanto, l’ho trovato dolce, romantico, tenace. Perché si sa, l’amore deve essere tenace.

Inutile dire che i personaggi sono ben strutturati, e con una vera e propria anima. La cosa bella è che questo libro, questa IMMENSA storia d’amore attraversi mezzo secolo di guerre, epidemie invenzioni, innovazioni.

Continua a leggere

Avete bisogno di leggerezza? andate al mare da sole per 15 giorni? Avete bisogno di allegria ei pomeriggi invernali di pioggia o di neve?
Leggete I Love Shopping!! Tutta la saga.
Perché vi ritroverete a ridere da sole e perché ridere fa bene all’anima.

Rebecca Bloomwood è una giovane donna che lavora come giornalista in una rivista economica, ma la sua aspirazione è un’altra. Lei vorrebbe lavorare scrivendo di moda, o comunque di guadagnare il più possibile. Bé che ci di male nel desiderarlo? Tutti vorrebbero guadagnare di più, ma per lei è un’esigenza abbastanza impellente. Ama fare shopping! per lei tutto ciò che vede nelle vetrine luccicanti  o con scritte saldi, è indispensabile, si ritrova a fare abbinamenti mentali, quando e in che occasione metterli, insomma una vera fashion victim sognante! Sì, perché gli piacciono i vestiti di marca, alla moda, ma tutto questo ha un prezzo, e lei è indebitata fino al collo, forse oltre! Ma lei non ce la fa. Nasconde le lettere, fa finta di non averle mai ricevute, ma tutto sommato non smette di comprare e quindi di spendere!!

Continua a leggere

Sinceramente non ho molto capito il motivo del titolo, ma non mi importa molto a questo punto. Perché?

Perché è un libro veramente bello. Scritto bene, dolce e amaro allo stesso tempo.

Tratta l’olocausto, ma non negli anni della guerra, ma più o meno ai giorni nostri, oggi.

I protagonisti sono due: Julian, un signore anziano di ottant’anni circa che da giovane fu deportato a Mauthausen. Lo scopo della sua vita, e del suo migliore amico Salva, dopo la liberazione fu di andare alla ricerca dei nazisti.
Dopo tanti anni di silenzio, Julian viene contattato dall’amico che si trova in spagna, dicendogli che aveva trovato una coppia di nazisti, ormai anziana, di Mauthausen.
Julian parte dal Brasile, contro il parere della figlia, per aiutare l’amico che nel frattempo viene a mancare.

Continua a leggere