il-libro-delle-anime

 

Questo libro è il sequel del la biblioteca dei morti.

Will Piper e la collega Nancy Lipinsky si sono sposati, hanno avuto un figlio: Phillip. Nancy sta facendo carriera, Will invece è andato in pensione. Ormai tutti sanno che la biblioteca esiste e che nel 2027 succederà qualcosa, ma non si sa cosa.
La storia va avanti, e Will viene contattato da un ex dipendente dell’area 51. Deve aiutarlo a recuperare un libro. Sì, perché alla biblioteca manca solo un libro datato 1527 si pensa sia un libro chiave per capire cosa accadrà da lì a qualche anno.
La scelta di Will si ripercuoterà su tutta la famiglia, come sempre. Nancy andrà su tutte le furie, perché la loro famiglia si è già salvata una volta in corner, e sa che non accadrà una seconda e poi ora c’è un figlio a cui pensare.

 

Will invece va avanti per la sua strada. Una strada difficile che lo porta in Inghilterra, a scoprire cose sul libro mancante davvero inimmaginabili. Ci sono dentro persone del calibro di Shakespeare e Nostradamus.

Ovviamente i Sorveglianti dell’area 51, non perdono un colpo, soprattutto se si tratta di Piper, della biblioteca. Ce l’hanno decisamente a morte con lui.

Forse il più sottotono della saga, a mio avviso. Ma Cooper riesce comunque ad incollarti alle pagine, con la sua meravigliosa capacità di parallelismo tra le varie epoche, la capacità di tirare in mezzo personaggi storici di grande risonanza.
Secondo me ha anche la capacità di farti pensare, magari una biblioteca del genere esiste veramente.
Alle volte la linea tra realtà e fantasia è così sottile…

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *